Under 25 al volante: occhio alle gomme

I giovani sembrano prestare poca attenzione all’usura dei loro pneumatici. È quello che emerge da una ricerca sul campo fatta dal Centro Studi Continental nell’ambito del Progetto Autostrade 2015, in collaborazione con Autostrade per l’Italia. 

La ricerca si è svolta durante l’estate 2015: gli addetti hanno fatto controlli a campione tra le vetture parcheggiate nelle aree di servizio autostradali, per controllare lo stato delle gomme.
Una particolare attenzione è stata posta sulle auto guidate dai più giovani. Il parco auto degli under 25 è composto prevalentemente da city car e berline (l’83,6% del totale), di recente immatricolazione (il 49,2% ha un’età compresa tra 0 e 3 anni ed il 24,6% tra 4 e 5 anni).

I più giovani non sembrano preoccuparsi troppo dello stato dei loro pneumatici, purtroppo: il 12,3% delle vetture degli under 25 ha pneumatici con usura irregolare, mentre il 5,7% presenta pneumatici con danni visibili a occhio nudo (screpolature, tagli o rigonfiamenti).

Il dato forse più preoccupante è questo: quasi un giovane su quattro viaggia con gomme dal battistrada quasi finito. Il 23% delle macchine degli under 25 ha un battistrada residuo tra 1,6 e 3 millimetri.
Il valore di 1,6 millimetri è il minimo permesso dalla legge, ma già uno spessore inferiore di 3 mm può causare problemi su asfalto bagnato.

under 25 usura pneumatici

Proprio lo spessore del battistrada è un elemento fondamentale per la sicurezza, come abbiamo già visto. Occorre non abbassare mai la guardia sulla sicurezza in auto, soprattutto per quanto concerne gli pneumatici.