Omologazione cerchi: cambiano le regole

Dal primo ottobre potranno essere venduti solo cerchi che rispettano le nuove omologazioni europee o italiane. È quanto stabilisce il “decreto ruote”, un sistema di nuove norme a tutela del consumatore.
Ecco nel dettaglio come cambiano le regole nel nostro paese: scopriamo il decreto omologazione cerchi.

Fino al 30 settembre 2015 potranno essere vendute ruote non omologate, purché queste siano state prodotte da aziende accreditate presso il Ministero e prodotte e importate sul territorio della Comunità Europea entro il 30 novembre 2014. 
Il Decreto 20 del 10/3/2013, infatti, ha fissato prima per l’1 gennaio 2015 e poi spostato al 1 ottobre la data di entrata in vigore delle nuove norme sull’omologazione cerchi. Potranno essere vendute ruote dotate di una di queste due omologazioni:

  • l’omologazione europea UN/ECE n°124
  • l’omologazione italiana secondo il D.M. n°20 (NAD).

Cosa cambia per chi vuole cambiare i cerchi?
Il nuovo decreto prevede inoltre che sarà possibile montare ruote (pneumatici + cerchi in lega) di dimensioni differenti rispetto a quelle indicate nel libretto di circolazione senza attendere il nulla osta da parte della Casa costruttrice.
Quindi, per montare cerchi di dimensione diversa basterà farsi rilasciare dal gommista il certificato NAD che comprende il Campo d’Impiego, la dichiarazione di corretto montaggio e il certificato di conformità per il sistema ruota.

decreto omologazione cerchi

La nuova omologazione europea
ECE R-124 è un’omologazione europea promossa dai 28 Paesi dell’Unione e riconosciuta da 48 Paesi nel mondo. ECE R-124 è la più severa normativa esistente al mondo per quanto riguarda la sicurezza dei cerchi in lega.
Le ruote omologate UN/ECE n°124 devono obbligatoriamente avere le stesse dimensioni di quelle previste dai costruttori auto di primo impianto, a differenza di quelle omologate italiane (NAD), che possono avere dimensioni diverse dall’originale.

E chi sta circolando con cerchi sprovvisti delle nuove omologazioni?
Non c’è nulla da temere: la nuova norma non è retroattiva.

Per approfondire:
Il sito di OZ Racing dedicato alla nuova norma
La pagina di Momo dedicata alla nuova norma
Le FAQ su Panorama Auto

Ti è piaciuto? Condividi!
Share on Facebook
Facebook
Tweet about this on Twitter
Twitter
Email this to someone
email